Via Canepari, 21 int.4 Genova

L’intervento in implantologia a Genova

Come si svolge l’intervento?
Per sottoporsi a questo intervento chirurgico, e necessario essere ricoverati in ospedale?
No.
Nella maggioranza dei casi l’intervento può essere eseguito in anestesia locale. Al paziente viene praticata una blanda sedazione per ridurre il livello d’ansia ed aumentare il suo stato di comfort. La sala operativa viene adeguatamente preparata per poter eseguire un intervento di chirurgia orale. Si utilizzano, inoltre, particolari apparecchiature che ci permettono di verificare il livello di comfort del paziente durante tutto l’intervento. In caso di ricovero ospedaliero è richiesta la degenza di
una notte. In molti casi il paziente può essere dimesso il giorno stesso dell’intervento (interventi in Day- Hospital).

Il trattamento è doloroso?
No. Si opera in anestesia locale utilizzando anestetici appositamente sviluppati per la chirurgia orale. Tali anestetici sono molto efficaci e producono una profonda anestesia. Il paziente non avverte alcun dolore. Terminata la fase chirurgica verranno prescritti farmaci analgesiciantinfiammatori in grado di controllare efficacemente l’eventuale insorgenza di dolore post-operatorio.

Esattamente come si procede?
Il passaggio dall’intervento chirurgico all’inserimento della protesi si articola in due o tre fasi, a seconda del caso clinico:

fase 1
gli impianti in titanio vengono inseriti nell’osso mediante un intervento chirurgico; segue un tempo di attesa variabile, che può andare da 0-2 a 9 mesi. per permettere all‘impianto di osteointegrarsi.

fase 2
al termine del periodo di osteointegrazione con un piccolo intervento eseguito in anestesia locale. all’estremità dell’impianto viene applicato un pilastro di guarigione che af?ora alla superficie della gengiva.

fase 3
avvenuta la guarigione della gengiva attorno al pilastro. si procede all’esecuzione del manufatto protesico (cioè del dente artificiale) ed alla sua assazione all’impianto.

fase 1/2
simultanea in alcuni casi clinici la prima fase prevede il posizionamento dell’impianto e la connessione del pilastro di guarigione in un unico momento operatorio. per cui. dopo l’osteointegrazione. si procede direttamente alla fase protesica. Il chirurgo, dopo la fase diagnostica. illustrerà quale tipo di operatività (una/due fasi) sarà più adatta alla vostra situazione orale.

fase 1/2/3
simultanee in alcuni casi selezionati. e possibile posizionare la protesi fissa provvisoria nella stessa seduta o qualche giorno dopo la fase chirurgica. Questa metodica si definisce “carico immediato”.

Quanti impianti e necessario posizionare?
Il numero di impianti dipende dal numero di elementi dentali mancanti. Escludendo le riabilitazioni totali (pa- ziente senza alcun dente inferiormente o superiormente). di norma si posiziona un impianto per ciascun dente mancante. talvolta due impianti per dente (ad esempio nel caso dei molari. che hanno due radici). Quando si posizionano due o più impianti, l’uno accanto all’altro,
solitamente le corone sono saldate fra di loro per meglio resistere alle forze della masticazione.

Vedi anche: Invisalign Genova, Pedodonzia Genova

 Prenota il tuo appuntamento al n. 010 411083. Se ami qualcuno, portalo da noi!

Top

I cookie, anche di terze parti, ci permettono di migliorare la navigazione. Per maggiori informazioni invitiamo a leggere la informativa estesa. Cookie policy